Archivi categoria: Scuola

Nikki è uscita dal gruppo – Mercoledì 8 novembre

Sala Centofiori, via Gorki 16

Nikki è uscita dal gruppo

Con la classe IB della scuola secondaria di primo grado “Panzini”. Regia di Donatella Allegro, musiche a cura di Isacco Tognon. Con la consulenza della psicologa Silvia Allegro. A cura dell’Associazione Culturale Effettica

I social sono buoni o cattivi? E quanto pesa un like? I ragazzi della IB processano il Signor Social a colpi di chat-testimonianze. Per scoprire che in realtà tutto dipende da loro..

Spettacolo finale del laboratorio condotto dall’Assicoazione Effettica con i ragazzi dell’IC4 di Bologna sul tema del cyberbullismo e dell’uso consapvole dei nuovi media, realizzato nell’ambito del Bando Legalità del Quartiere Navile

Ingresso libero

Proroga rimborso libri

assriunew2

Prorogata alle ore 18 del 10 ottobre 2016 la scadenza per presentare le richieste di contributo per l’acquisto dei libri di testo per gli studenti delle scuole secondarie di I e II grado

Le domande dovranno pervenire esclusivamente in modalità on line attraverso il portale ER.GO, consentendo di accelerare l’erogazione del contributo alle famiglie.

Per fare richiesta è necessario

  • presentare un’attestazione ISEE 2016 rilasciata dopo il 15/01/2016
  • conservare la documentazione di spesa relativa all’acquisto dei libri di testo
  • possedere un indirizzo di posta elettronica

Avere a disposizione un cellulare!

Associazione Comunità Sociale – Associazioni Riunite

Coordinamento – Uffici via Marco Polo, 51 – 40131 Bologna

Tel. 051 – 6353605

e-mail: info@riunite.eu

Case Zanardi: ricerca volontari per iniziativa “Una mano per la scuola”

Una mano per la scuolaCiao a tutt*,

come sapete la scuola sta per ripartire. Nell’acquistare i nuovi quaderni, zaini, penne e colori c’è tutto l’entusiasmo dei bimbi per l’inizio di una nuova avventura. Ma il “corredo” scolastico è anche un costo

La rete di Case Zanardi in collaborazione con AUSER Bologna cerca volontari per un’importante iniziativa a Bologna: “Una mano per la scuola”, organizzata da Coop Alleanza 3.0. Nelle giornate di sabato 10 e domenica 11 settembre nel punto vendita Coop presso il Parco Meraville  raccoglieremo il materiale scolastico donato dai clienti Coop. Questo verrà successivamente distribuito alle famiglie in difficoltà che accedono agli Empori Solidali di Case Zanardi e alle Cucine Popolari oltre a quelle beneficiarie dei diversi progetti AUSER a sostegno della povertà. I volontari dovranno invitare i clienti a donare materiale scolastico anche con l’ausilio di materiale informativo.

L’iniziativa si svolgerà dalle ore 9.00 alle ore 19.00 ed i volontari saranno organizzati su 2 turni: Primo turno dalle 9.00 alle 14.00 Secondo turno dalle 14.00 alle 19.00 I referenti dell’iniziativa saranno: Luigi Pasquali per AUSER 335 5742779 Enrico Dionisio per Case Zanardi 335 6352325

Vi chiediamo di aderire all’iniziativa rispondendo alla presente mail indicandoci sia il turno per il quale siete disponibili che un recapito telefonico oltre al codice fiscale necessario ai fini assicurativi.

L’iniziativa è promossa da AUSER Bologna, dall’Istituzione per l’inclusione sociale e comunitaria “don Paolo Serra Zanetti” del Comune di Bologna, dall’Associazione Emporio Bologna Pane e Solidarietà, dall’Associazione CIVIBO ed in collaborazione con VOLABO– Centro Servizi per il Volontariato di Bologna.

Dalla retorica dell’integrazione alla cultura dell’inclusione

studenti disabili scuola(di Gianfranco Vitale – riabilita il domani il blog)

Di recente molto si è discusso di scuole speciali. E’ con curiosità ed interesse, come genitore di un soggetto disabile, ma anche – se mi è consentito – come ex insegnante (per inciso non sul sostegno) con trentasette anni di servizio nella scuola pubblica, che mi permetto di inserirmi in punta di piedi nel dibattito in corso, per provare a comprendere meglio le ragioni di un malessere che personalmente giudico ben più diffuso di quanto appaia a una prima lettura di alcuni autorevoli commenti, pubblicati su organi di stampa e sul web

Ci troviamo di fronte ad un profondo disagio che sarebbe riduttivo sottovalutare e peggio ancora banalizzare ricorrendo a semplici parole d’ordine, a cominciare dagli appelli all’“inclusione” e/o alla “scuola di tutti”, refrain sicuramente utili a strappare consensi ed applausi in occasione di iniziative allestite ad hoc ma che, lo confesso, poco o nulla suggeriscono ormai a me e (forse) a tanti … continua